Milena Kunz Bijno

Riscoprire la dimensione spirituale è il miglior modo per far stare bene il corpo.
 
Cosa vogliamo in fondo veramente? Star bene.
 
“La felicità non è casuale, ma una facoltà che l’uomo porta in se. Ognuno può essere felice o diventarlo se così si adopera. La scienza neurologica ci insegna quali fattori possono incrementare o impedire la felicita`….
 
Il cervello è un organo capace di imparare e può essere esercitato come un qualsiasi altro muscolo. Se lo alimentiamo con bellezza, dolcezza, bontà, pace, armonia possiamo influenzarlo positivamente e così superare le negatività.”
 
Così insegna il Dalai Lama durante un’intervista che porta il titolo : L’etica è più importante della religione”.
 
Su questo filone cercheremo di esaminare quali fattori aiutano il nostro benessere fisico, domandandoci : Quali emozioni ci rendono felici? Quali sono quelle distruttive che dovremmo eliminare?
 
Ci porremo poi la grande domanda “ Chi siamo veramente? Il corpo, la mente, l’energia vitale? Se ci riduciamo ad una forma fisica, cosa rimane di noi alla fine dei giorni?
 
Il corpo mentale e tutto l’apparato psichico, sono connessi intimamente ai vari organi e hanno un’influenza determinante sul loro buon funzionamento. La psiche, a sua volta , ha bisogno della sfera spirituale per rigenerarsi.
 
La spiritualità va al di là della religione, è la via per incontrare il nostro vero e profondo Se. Un maestro spirituale è la guida che ci indica il cammino. Il mio e´ stato Sathya Sai Baba.
Milena Kunz-Bijno
Nata a Torino nel 1942 inizia a dipingere fin da giovane. Nel 1963 sposa un diplomatico tedesco. Prosegue i suoi studi a Bonn (Istituto Universitario di Educazione artistica) e a Londra (College of Arts).
Nel 1965 diventa membro della Gedok Bonn e presenta la sua prima mostra personale di successo.
Tra il 1966 e il 1970, durante il soggiorno a Bombay, scopre  e si innamora della cultura indiana che la influenzerà radicalmente tutta la sua arte nella pittura, nelle installazioni, nelle poesie e negli scritti.
Da allora il lavoro della sua vita sarà quello di costruire ponti tra Oriente e Occidente.
Adesioni: BBK (Bonn) – Gedok – femminile Museum (Bonn) – Arte (Bad Honnef) – Promotrice delle Belle Arti (Torino) – Società di belle arti (Valletta, Malta)1 ° premio per l’installazione – Biennale di Malta 1997
Premio speciale per l’installazione – Biennale di Malta 1999